Accessori bambino prima infanzia: migliori prodotti di Aprile 2021, prezzi, recensioni

Sono piccoli, teneri e meravigliosamente belli. Sembrano dei bambolotti da rivestire con dovizia di dettagli, eppure hanno già un loro stile ben preciso. Si preferiscono con uno o con l’altro cappellino, con una t -shirt piuttosto che con un’altra. Sono degli ometti, che provano a costruirsi una personalità e quindi dei gusti anche se perlopiù influenzati da quanto vedono alla tv o anche da ciò che li circonda. A partire dal look del papà. Allora proviamo ad assecondare le loro richieste, cercando di correggere, il più possibile quegli elementi che magari non sposano la sicurezza o il comfort. Per il resto invece, stiamo a guardare. Sarà uno spasso vederli alla prese con al creazione dei loro outfit, anche quelli più azzardati.

Cosa scelgono i nostri bambini?

Partiamo dai cappellini. Ve ne sono così tanti sul mercato che non sarà difficile individuare quelli preferiti dai nostri bimbi. Eppure alcuni modelli sembrano essere obbligatori per loro. Magari quelli che hanno visto indosso a qualche eroe del momento, a qualche personaggio dei cartoon o che semplicemente gli ricorda qualcuno.  Basco, berretto, con visiera; quale scegliere? Chiediamolo a loro. E per  gli  abbinamenti cromatici, talvolta improbabili, proviamo a chiudere un occhio. Purchè generi in loro sicurezza.

A differenza delle bimbe, i maschietti puntano alle fantasie con le figure. Non vogliano brillare, come le femminucce quindi non sono attratti da luccichii o stravaganze, ma amano identificarsi con i miti. Che si tratti di calciatori piuttosto che di super-eroi , vogliono vederli stampati sulle loro cose. Sugli oggetti che utilizzano nella vita quotidiana. Anche sui cappellini.

Se proprio non riusciamo a distoglierli, allora, da certe scelte, per noi non proprio gradevoli, ricerchiamo però il comfort. Accertiamoci che cappellini o guanti o sciarpe o visiere o – siano comodi da indossare. Informiamoci allora ai tessuti per quanto concerne gli  accessori  da indossare che dovrebbero scaldare o imbacuccare il corpo; appuriamo la morbidezza dei capi, e la capacità di coprire a  modo.

Gli zainetti preferiti: quelli da scuola e quelli da gioco

Altro paragrafo meritano gli zainetti. I bambini desiderano indossarli per poter portare con loro, i giochi preferiti, gli album da collezione, ma anche solo una bottiglietta di acqua.

Dai modelli colorati a quelli del tutto foderati di immagini rievocanti personaggi di cartoon o film, preferiti, i mini bagagli dei bimbi diventano obbligatori da esibire; si tratta di accessori che ultimano il loro look, e soprattutto, sono il motivo di confronto tra amici o cuginetti.

Quale preferire invece tra quelli per recarsi a scuola? Quale zaino sembra essere più opportuno ad accogliere il necessario materiale scolastico? Assicuriamoci che sia di nylon ; sono molti i materiali in commercio che non consentono facili puliture e magari neppure garantiscono resistenza.  Lo zaino, al di là della moda o dei colori preferiti, deve poter assicurare prestazioni durevoli ad una brusca tirata ma anche all’utilizzo costante e deve essere in grado di salvaguardare gli oggetti quotidiani dai maltempi e dalle pioggerelle.

Meglio indirizzarsi sui modelli abbondanti e con taschini multiuso, in grado di conservare in modo ordinato l’ombrello, una borraccia, i libri ed i pastelli. Assecondiamo allora un design allettante; i bimbi non vorranno astenersi dai modelli in voga ma sinceriamoci che il trasporto sia realmente confortevole e che acconsenta al bambino di regolare, in modo opportuno, la lunghezza dovuta delle tracolle, per una totale corrispondenza.

Calzini e calzettoni: quali modelli comperiamo?

Ma tra gli accessori privilegiati, quello forse che più desiderano anche le mamme, sono i calzini.  Eleganti e ornati,  a quadroni o a righine, marinareschi o fantasiosi. Quanti ne troveremo in commercio? Tutti stupendi. Di questi accessori, ad esempio, è bene acquistarne qualche modello in più. I calzettoni servono continuamente, e in tutte le varianti. Si rovinano, anche solo nell’arco di un pomeriggio, dunque un secondo paio va sempre tenuto a portata di mano. Allora perché non acquistarne diversi, per ogni situazione?  Obbligatori quelli con eleganti, da sfoggiare durante le cerimonie; anche i modelli stravaganti e bizzarri vanno tenuti nel cassetto, usabili  quando magari lo stile è più sobrio,  basilare, e si vuol dare un elemento di eccentricità; anche i quadroni, le righe e le forme geometriche sono di una certa carineria e possono essere abbinati, per colore con delle magliette semplici.

Coordinati interessanti

Molti negozi, marche globali, propongono delle collezioni basate proprio sul coordinamento dei capi; calzini che richiamano il disegno di un taschino collocato sulla maglietta; ma anche calzettoni che sposano un look alla perfezione senza alcun richiamo di decorazione, piuttosto perché richiamanti un determinato e particolare colore. Insomma, c’è da divertirsi, e si può farlo, come abbiamo potuto apprendere anche con i maschietti. Gli accessori ormai impazzano anche nel settore maschile. E allora al via la fantasia, senza intimidire le opzioni proposte dai nostri bimbi. Qualche volta sembreranno mostrare un look strampalato ma piano piano impareranno a sapersi prendere cura di loro stessi e ci stupiranno!

Livia Carandente è una giornalista napoletana. Laureata in Comunicazione, ha collaborato con diverse testate, cartacee e televisive, e diretto dei magazine. E’ autrice e conduttrice del format televisivo “Le vie del Cuore”, dedicato a storie di fede. E’ autrice del romanzo “Quanti figli hai?”, edito da Tau. Insegna “Psicologia della Comunicazione attraverso i simboli” . Scrive di moda. È moglie e mamma.

Back to top
menu
Abbigliamento Prima Infanzia